I filosofi che vorrebbero insegnarci la «buona vita» spesso consigliano di lavorare meno. Ridurre l’impegno consacrato al lavoro in modo da disporre di una maggiore quantità di tempo libero da dedicare alla famiglia, agli amici e alle proprie passioni – questo in sostanza il loro messaggio.

Se guardiamo l’evoluzione del tempo di lavoro, si potrebbe pensare in un primo momento che gli svizzeri abbiano seguito questo consiglio per benino. Nelle fabbriche del XIX secolo, le giornate di 10 ore e le settimane lavorative di 6 giorni erano la regola, per un totale di quasi 3000 ore all’anno. Oggi, il tempo medio di lavoro annuale è di 1400 ore, meno della metà.

Questa media nasconde però grandi differenze tra gruppi sociali e età. Solo una minoranza si è effettivamente liberata dal fardello del lavoro retribuito: sono i pensionati. Intorno al 1900, lavorare in età avanzata era di norma: più della metà degli over 65 era occupato. Oggi, solo il 13% lavora, per lo più con un grado di occupazione molto basso.

Per il resto della popolazione invece, la diminuzione dell’orario di lavoro è stata modesta. Per i lavoratori a tempo pieno, la settimana lavorativa effettiva si aggira da anni intorno alle 41 ore.

Nel 1930 l’economista John Maynard Keynes scriveva che nell’arco di cento anni, la settimana lavorativa si sarebbe ridotta fino a un massimo di 15 ore. Grazie alla crescita economica e al progresso tecnologico le persone sarebbero state in grado di soddisfare rapidamente i loro bisogni di consumo. Liberate dai vincoli economici, avrebbero avuto abbastanza tempo da dedicare all’arte e alla lettura dei filosofi. Questa previsione non si avverata. Nonostante l’aumento dei redditi e il benessere, l’offerta di lavoro (appunto, con l’eccezione dei pensionati) è diminuita molto meno di quanto Keynes avesse immaginato.

Lo Stato dovrebbe fare qualcosa al riguardo? Alcuni ne sono convinti e vorrebbero imporre la settimana di quattro giorni a tutti. Ma con quale giustificazione? Con il nostro comportamento mostriamo di valorizzare il lavoro (e i consumi che il lavoro ci permette di finanziare) più del
tempo libero supplementare.

Paradossalmente, sono proprio i redditi superiori – che più facilmente potrebbero ridurre l’orario di lavoro – a lavorare di più. Secondo dati dell’Ufficio federale di Statistica, il 10% dei dipendenti con i salari orari più elevati lavora circa 8 ore in più a settimana rispetto al 10% con i salari più bassi. Supponendo che la produttività e i salari continuino a crescere in futuro, questo modello potrebbe estendersi al ceto medio.

Tuttavia, lo Stato potrebbe assicurare che il lavoro venga meglio distribuito lungo il ciclo di vita, piuttosto che concentrarlo nella mezza età. L’aumento dell’età di pensionamento sarebbe un passo in questa direzione. Bisognerebbe anche rivedere il nostro sistema pensionistico in modo che i contributi sociali oltre l’età di pensionamento permettano di migliorare le rendite.

Forse dovremmo davvero fare quello che suggeriscono i filosofi – ma chiedere agli economisti come raggiungere al meglio questo obiettivo.

Questo podcast è stato pubblicato il 19.4.2022 nel programma Plusvalore su RSI Rete Due.