È tempo di vendemmie e votazioni – si torna a discutere dell’impatto dell’immigrazionsul mercato immobiliare svizzero. A prima vista, il rapporto tra i due sembrerebbe facile da stabiliredall’entrata in vigore della libera circolazione delle persone tra Svizzera e UE nel 2002, i prezzi delle case sono cresciuti in media del 56%, mentre allo stesso tempo la popolazione residente è aumentata del 17%. 

Tuttaviademografia e immigrazione non sono i soli fattora determinare prezzi e affittiAnzi, l’economia urbana ci insegna che non è tanto il numero di abitanti quanto quello delle famiglie a influenzare la domanda di alloggi – essendo ogni appartamento occupato da una sola economia domesticaE da decenni oramai la crescita del numero delle famiglie supera quella della popolazioneDal 2000 ad oggi la dimensione media delle economie domestiche in Svizzera è diminuita del 7% ed è ora inferiore a 2 persone.  

La domanda di alloggi dipende anche in modo fondamentale dal livello dei redditi. Studi nazionali e internazionali mostrano che la superficie abitata cresce proporzionalmente al reddito. Insomma, l’immigrazione ha avuto sì un effetto sui prezzi, ma l’aumento dei redditi e la diminuzione dei tassi d’interesse hanno avuto un impatto ben più determinanteSecondo una nostra stima recentese la libera circolazione con l’UE non ci fosse stata, il rincaro dal 2002 dei prezzi delle case in Svizzera sarebbero stato del 49% invece che del 56%:  

E gli affitti? Contrariamente ai prezzi delle casedeterminati da domanda e offerta, essi sono fortemente regolamentati. Secondo il nostro diritto di locazione, l‘aumento della domanda a cui accennavo prima, non è un motivo valido per rivalutare i canoni locativi. Concretamente, ciò significa che la stragrande maggioranza degli inquilini svizzeri  tutti coloro che negli ultimi anni non hanno traslocato  non ha subito pressionsupplementari a causa dall’immigrazione. 

Anzi, parecchi locatari hanno approfittato di riduzioni dell’affitto, complice il tonfo dei tassi ipotecari. Nel complesso, il peso delle spese abitative nei budget delle famiglie è diminuito dall’introduzione della libera circolazione. Secondo dati dell’Ufficio federale di statistica, mai prima d’ora in questo secolo le famiglie hanno devoluto una parte minore del loro reddito all’alloggio: appena il 14% del reddito lordo in media 

Certamente, nelle grandi città la carenza di alloggi si fa sempre sentireNon è però un fenomeno nuovo: da decenni si fatica a trovare un appartamento al centro di Zurigo o di GinevraQuesta carenza ha più a che fare con la politica edilizia delle città (che spesso ostacola la costruzione) che con l’immigrazione dall’UE.

In conclusione, un effetto dell’immigrazione sul mercato immobiliare c’è stato, ma di portata ben più limitata di quanto avanzino i critici della libera circolazioneNei centri invece, la carenza di alloggi rimane un problema «fatto in casa». 

Questo podcast è stato pubblicato il 31.08.2020 nel programma Plusvalore su RSI Rete Due.